Laboratorio di poesia

Il laboratorio di poesia è…

Approfondimenti sul Novecento

un’occasione per conoscere poeti italiani del secondo Novecento, uscendo dalle griglie dei programmi scolastici

 

Lettura

uno spazio per leggere e ascoltare testi irresistibili della nostra Letteratura, che diventano guida per avvicinarsi al mondo della scrittura

 

Scrittura

un luogo in cui i componimenti letti divengono stimoli da cui partire, per dare voce ai propri pensieri e alla propria ispirazione

 

Inncontri con autori

un’opportunità per conoscere di persona poeti e scrittori, entrando in dialogo con loro

 

Gruppo

un territorio di conoscenze e di incontri, nel quale costruire un gruppo fuori dall’ordinario, unito dalla passione per la poesia e da una particolare sensibilità letteraria

 

Confronto

un ambiente di dialogo, che alimenta il confronto tra i diversi punti di vista e potenzia la capacità critica dei singoli a livello interpretativo

 

Condivisione

…e infine, al termine del percorso, la possibilità, per ogni studente, di presentare ai compagni una propria poesia, aprendo la porta a un dialogo che arricchisce tutti e ciascuno

 

Laboratorio di poesia 2021 01

Laboratorio di poesia 2021 02

Laboratorio di poesia 2021 03

Laboratorio di poesia 2021 04

Laboratorio di poesia 2021 05

Laboratorio di poesia 2021 06

In una parola

#intimo (Arianna)

#stimolante (Alessandro)

#accogliente (Altea)

#gratificante (Simone)

#sonoro (Federico)

#confortante (Francesco)

LE POESIA DEGLI STUDENTI

Vorrei.

 Vorrei la libertà di essere,

Vorrei la libertà di sfuggire alle infrangenti catene del giudizio,

Vorrei la libertà di muovermi

senza rischiare di scontrarmi

e di rompermi nei fragili vetri della mia introspezione.

 

Vorrei più considerazione:

Verso chi sceglie troppo anziché abbastanza,

Verso chi salta e non rimane,

Verso chi oltrepassa il filo e non lo taglia.

E vorrei, vorrei la mia overdose di meraviglia.

 

Per vivere, per vivere appieno,

Per scoprire il significato di vero,

Per non isolarmi nell’ordinario;

superare i confini, abbattere il dolore della noia o della monotonia,

Attraversare il vano lago di pianto.

 

Non credo nell’assenza di dolore.

Non credo in chi non è mai stato un malinconico;

credo in chi talvolta si è torturato ricercando ingenuo l’integrità.

Non credo in chi solo non è mai stato

e poi d’esser libero ha auspicato,

perché è la solitudine che porta

a forme straordinarie di libertà.

Elisa Stefany Dos Santos – 5ASE

Hoc aridum suffles

Di quel fruscìo

restava un’ombra; ma

una selvaggia pioggia

inzuppa la chioma

grezza, greve di odori,

e ingrigisce il secco cemento.

Rivive, forse, se

piove, l’uomo.

Federico Debellini – 5BS

Piscina

Non provare, sapere già il risultato;

non è mai stato il tuo forte.

Non hai mai provato, sai già il risultato.

Delusione porta altra delusione,

dal fondo non solo non si risale,

si striscia impotenti per la pressione

schiacciati dal giudizio.

Simone Sassera – 4AS

Impressioni di Primavera

Là, lieta e leggera,

sotto gli abeti. Loro,

sempre verdi, nel

bell’Aprile non lasciano

l’odore.

E lì, bello, il fiume.

Scorre, libero ma lento.

E soffia, vento fresco

che porta Primavera.

E là, geometrica,

scorrendo in prati,

lieta e leggera,

libera, lì, bella,

sta.

Francesco Bonello – 5CSA

La Cava

 Il sole, caldo,

quasi dorato,

si specchia nell’acqua

 

arancione,

a contrasto col verde degli

alberi

immobili

 

riflesso

interrotto dalla

scia

delle placide papere

 

le mani immerse nell’erba,

osservo tutto questo

 

finalmente respiro.

Altea Scavone – 5CSU

Ultima modifica il 14-09-2021